Ci ha voluto figli suoi

In ogni santa Messa si dà inizio al Sanctus con queste parole: “Santo-Santo-Santo è il Signore, Dio dell’universo”.
Ma ci rendiamo veramente conto di ciò che viene detto? Penso proprio di no! Siamo troppo piccoli per poter comprendere la grandezza di tale affermazione e pertanto, solamente soffermandoci a meditare un po’, possiamo incominciare a capirne qualcosa…
Gli scienziati affermano che nell’universo vi sono miliardi di galassie e che ogni galassia è composta da miliardi di stelle. Inoltre è ormai piuttosto risaputo che la stella a noi più vicina – a parte il Sole – è Alpha Centauri, la quale si trova a una distanza di quattro anni luce (e non dimentichiamo che la luce ”viaggia” a trecentomila chilometri al secondo).
Per rendere un’idea più precisa della velocità della luce, pensiamo che in poco più di un secondo può arrivare sulla Luna o fare quasi otto volte l’intero giro del nostro pianeta. E la vastità dell’universo è stata calcolata in ben quattordici miliardi di anni luce!
La nostra mente – per quanto meravigliosa – non può contenere simili dati, può però intuirli: possiamo così comprendere quanto la Terra sia piccola nell’universo (un granello di sabbia) e noi estremamente più piccoli, dei microbi.
Tali considerazioni ci offrono indubbiamente una bella lezione di umiltà; poiché stanno, tutto sommato, a dimostrarci la nostra infima limitatezza sia nel tempo che nello spazio. E la vanità – pertanto – di una qualsiasi azione ed emozione degli esseri umani, se abbandonati a se stessi.
Ed infine, se vogliamo confrontarci anche con Dio, l’essere umano di fronte al suo Creatore è davvero meno di un granello di sabbia di fronte all’universo intero; perché sia il granello che l’universo sono realtà comunque limitate, ben definite, mentre il “Dio dell’universo” è illimitato.
Eppure, il Signore dell’intero Creato è sceso su questo “granello”;… e si è lasciato uccidere da questi “microbi”!
E l’ha fatto per amore, per poter così donare loro almeno una parte della sua grandezza: per poterci elevare alla dignità, alla potenza e alla gioia infinita, dei figli di Dio; per renderci, quindi e in definitiva, per sempre déi.

Paolo Morandi

Annunci

One thought on “Ci ha voluto figli suoi

  1. Una volta stavo riflettendo sulla SS. Trinità, sull’Essenza di Dio. Volevo assolutamente approfondire e conoscere chi è questo Dio… In un istante il mio spirito venne come rapito in un altro mondo. Vidi un bagliore inaccessibile e in esso come tre sorgenti di luce, che non riuscii a comprendere. E da quella luce uscivano parole sotto forma di fulmini, che si aggiravano attorno al cielo ed alla terra. Non comprendendo nulla di questo, mi rattristai molto. Improvvisamente dal mare di luce inaccessibile usci il nostro amato Salvatore, di una bellezza inconcepibile, con le Piaghe sfavillanti: E da quella luce si udì questa voce: « Qual è Dio nella Sua essenza, nessuno potrà sviscerarlo, né la mente angelica, né umana ». Gesù mi disse: « Procura di conoscere Dio attraverso la meditazione dei Suoi attributi ». (Diario S.Faustina)

lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...